Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Perchè usare la calce e non il cemento

La calce è stata utilizzata come legante da costruzione per migliaia di anni.
La conoscenza delle sue proprietà e del suo impiego si è persa negli ultimi 100 anni.
Buona parte degli edifici costruiti prima del 1900 sono stati costruite con calce e la calce è presente ancora nella stragrande maggioranza del nostro patrimonio storico.

 

I principali vantaggi  e svantaggi  nelll'uso di calce rispetto al cemento, riferiti ad esempio ad una malta da impiegarsi in un'opera di restauro, sono schematizzati nella tabella

 
Calce

Cemento

Compatibilità con l'edilizia storica (pietre, mattoni)
Assenza di alcali solubili
Ricostruzione autogena delle fessure
Elasticità (modulo elastico)
Alta resistenza meccanica a compressione
Ritiro Idraulico
Porosità e traspirabilità
Economia di produzione
Resistenza ai solfati
Presa rapida
Indurimento lento

Ecologia di produzione, di utilizzo, di smaltimento

Versatibilità rispetto all'ambiente di utilizzo
Impiegi di manodopera altamente specializzata

 


Semplicemente incompatibile
L'incompatibilità tra i materiali dell'edilizia storica e il cemento Portland è determinata soprattutto dalla presenza di compomenti potenzialmente pericolosi.
Si tratta, in particolare, delle fasi cristalline di alta temperatura (C3A, C4AF), degli alcali e del gesso aggiunto al cemento in fase di produzione come regolatore di presa, che determinano potenziali reazioni indesidarate a contatto con una muratura tradizionale.

Fase
Formula
Quantità
Degrado Potenziale

Alluminati
Tricalcici

C3A
3-10%
Reagisce con i solfati e l'acqua determinando attacco solfatico e causando deterioramento delle malte, dei mattoni e delle pietre.
Tetracalcium Aluminoferiti
C4AF
8-10%
Reagiscono con il gesso causando espasioni
Solfati
SO3
2-7%
Contribuscono al attacco da parte dei solfati
Alcali

Na2O
K2O

1-3%
Reazione associata alla presenza di alcali nel cemento e di silice amorfa o scarsamente cristallina in alcuni aggregati. Il fenomeno è anche noto come reazione alcali-silice (Alkali-Silica Reaction o ASR).
Gesso
CaSO4
2-9%
Soggetto a espansione, determina efflorescenze.

Informazioni aggiuntive